CORONA ESTONE

Codice ISO: EEK. Dal XII secolo a tutto il XIX l’Estonia non ha avuto moneta propria e si è servita dapprima delle monete dell’Ordine Teutonico e dell’Ordine di Livonia con il suo scellino d’argento e i suoi sottomultipli (denaro e obolo). Nel XVII secolo circolarono le monete svedesi, cui si aggiunsero nel secolo successivo quelle russe, con un rublo diviso in 100 copechi. Nel XIX secolo si impose il sistema monetario russo e soltanto nel 1918 le monete russe, alle quali si era aggiunto il marco finlandese, furono sostituite dal marco estone, diviso in 100 penni e parificato al marco tedesco. Il marco estone subì un processo inflazionistico non certo lieve visto che fu necessario ricorrere alla moneta di conto, cui fu dato il nome di corona. L’emissione effettiva di questa corona avvenne all’inizio del 1928 con una parità aurea di 0,4032258 grammi di fino. Una corona fu parificata a 100 marchi estoni e a una corona svedese. Il cambio con la sterlina britannica si pose 18,159 corone. La corona estone subì le sorti della valuta britannica e nel settembre del 1933 previa sospensione del gold standard, entrò nella sua area allo stesso cambio del 1928. Dal 25 novembre del 1940 il rublo sovietico si affiancò alla corona al tasso di conversione di 0,80 corone per rublo. Dall’aprile del 1941 la moneta sovietica divenne il solo metro monetario dell’Estonia. Dal luglio di quello stesso anno con l’occupazione tedesca la carta moneta estone fu sostituita dal Reichsmark. Nello stesso mese dell’anno successivo la Germania creò il territorio di Ostland comprendente l’Estonia, la Lituania, la Lettonia e la Russia Bianca e autorizzò la banca centrale con sede a Riga (Lettonia) ad emettere banconote denominate Marck Ostland al cambio alla pari con il Reichsmark. Nel 1944 con la liberazione dei paesi baltici il Mark Ostland fu sostituito dal rublo sovietico, che ha circolato in Estonia fino al crollo del regime sovietico. Con la riforma monetaria del giugno del 1992 è stata ripristinata la circolazione della corona estone, divisa in 100 senti, e ancora nel contesto di un accordo di currency board al marco tedesco. La nuova, moneta ha sostituito quella sovietica al cambio di 1 corona per 10 rubli. Nello stesso anno l’Estonia è diventata membro del FMI. Il corso della moneta fissato in 13 corone per dollaro si è via via deprezzato, risultando però più stabile verso al fine degli anni ‘90 e intorno a 17 corone come alla fine del secolo XX.

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×