COPIA DELLA CAMBIALE

Riproduzione della cambiale originaria eseguita e dichiarata tale dal portatore. A differenza del duplicato (che è redatto dal traente o dall’emittente) non ha valore nei confronti dell’emittente se non è accompagnata dall’originale. Qualsiasi portatore ha il diritto di far eseguire una o più copie a sue spese, che debbono indicare chi detiene il titolo originario; questi è tenuto a consegnarlo al portatore legittimo della copia il quale, in caso di rifiuto, non può esercitare il regresso contro le persone che hanno girato o avallato la copia se non dopo aver fatto constatare con protesto che l’originale non gli è stato consegnato malgrado la sua richiesta. Il portatore, quindi, non può dare alla cambiale una circolazione diversa da quella che dà alla copia: o la gira a favore dello stesso giratario della copia o deve tenerla a disposizione del portatore legittimo della copia alla scadenza. Il protesto per il rifiuto di consegna dell’originale basta ad attribuire alla copia l’efficacia stessa dell’originale. Se l’originale dopo l’ultima girata apposta prima che la copia sia stata fatta, porti la clausola “da qui la girata non vale che sulla copia” od ogni altra equivalente, la girata fatta ulteriormente sull’originale è nulla, in quanto la clausola cassatoria implica il divieto di un’ulteriore girata dell’originale.

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×