CONVENZIONE DI VIENNA SULLA VENDITA INTERNAZIONALE

Normativa uniforme sulla vendita internazionale di merci elaborata dalle Nazioni Unite e adottata a Vienna nel 1980 in sostituzione della Convenzione dell’Aja del 1964. La Convenzione di Vienna è entrata in vigore il 1° Gennaio 1988, grazie al raggiungimento del numero minimo di adesioni (20) da parte di nazioni appartenenti all’ONU, tra le quali USA, Cina, Italia (ratificata con l. 11.12.1985 n.765), Francia, Australia. Attualmente i Paesi aderenti sono circa 40. In base a tale Convenzione, ai contratti di compravendita internazionale di beni mobili, assoggettati alla legge di uno Stato aderente e stipulati tra soggetti aventi attività commerciale localizzata in Stati aderenti viene automaticamente applicata la normativa uniforme, salvo deroga espressa dalle parti. È esclusa l’applicabilità a fattispecie contrattuali quali certi tipi di vendite a consumatori, vendite all’asta, vendite di navi e aeromobili, contratti di appalto e prestazione di servizi. Per quanto riguarda gli aspetti non specificatamente regolamentati dalla Convenzione (quali, a esempio, il passaggio di proprietà delle merci e la determinazione del prezzo), la stessa rinvia al diritto internazionale dei singoli Stati.

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×