CAPITALE D'ESERCIZIO O AGRARIO

Parte del capitale lordo impegnato nell’attività caratteristica di un’impresa agraria.
Al capitale d’esercizio o agrario vengono assegnate tutte le componenti mobili per natura; esso si suddivide in capitale di scorta e capitale d’anticipazione. 
Al capitale di scorta appartengono gli strumenti di scorta (macchine e bestiame) ed i prodotti di scorta, ai quali fanno capo le produzioni della azienda destinate al reimpiego, come fattori di produzione o materie prime. Le macchine ed il bestiame da lavoro e d’allevamento sono componenti differenziate a logorio parziale, il bestiame da ingrasso ed i prodotti di scorta sono invece componenti differenziate a logorio totale.
Il capitale d’anticipazione è la quota di capitale indifferenziato che risulta impegnata per l’intera durata dell’esercizio amministrativo (immobilizzazione finanziaria) nell’attività caratteristica svolta dall’impresa.
Il capitale d’esercizio, così definito, risulta finanziariamente immobilizzato per l’intera durata dell’annata agraria al pari del capitale fondiario; ciò consente di attribuirgli una remunerazione attraverso l’assegnazione di un opportuno tasso d’interesse annuo. 
Redattore: Barbara PANCINO
© 2009 ASSONEBB

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×