PREFERENCE SHARES

Titoli che associano a forme di indicizzazione, con remunerazione variabile legata ai tassi di mercato, clausole di subordinazione particolarmente accentuate, come p.e., il mancato recupero negli esercizi successivi degli interessi non orrisposti dalla banca e la perdita definitiva del diritto alla remunerazione in caso di azzeramento per perdite del capitale della banca. Le Istruzioni di Vigilanza di Banca d’Italia stabiliscono le condizioni in base alle quali le preference shares possono essere considerate ai fini del calcolo del patrimonio di base delle banche e dei gruppi bancari. Nel febbraio 2000, in particolare, Banca d’Italia ha modificato le disposizioni di vigilanza per tenere conto delle indicazioni fornite dal Comitato di Basilea, prevedendo che, nel caso di perdite che determinino una riduzione del requisito patrimoniale minimo complessivo al di sotto del 5%, la banca può utilizzare le preference shares per assorbire le perdite stesse.

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×