POLITICA VALUTARIA

Insieme degli interventi delle autorità monetarie centrali tendenti a controllare (andamento di breve periodo della bilancia dei pagamenti e a garantire il mantenimento della solvibilità di un Paese nei confronti del resto del mondo. Questi interventi si attuano essenzialmente mediante la gestione delle riserve valutarie, costituenti parte dell’insieme dei mezzi di pagamento internazionale ed utilizzate in manovre compensative volte ad assorbire gli avanzi o a fronteggiare i disavanzi di natura temporanea della bilancia dei pagamenti. P.e., qualora la valuta nazionale di un paese sia insistentemente offerta sul mercato dei cambi a causa o di un eccesso di importazione o di movimenti speculativi e qualora le conseguenti spinte sul tasso di cambio siano considerate pregiudizievoli per l’economia del paese, la banca centrale interviene sul mercato dei cambi chiedendo la propria valuta e cedendo parte delle proprie riserve valutarie. Le operazioni compensative vengono registrate, nel quadro della bilancia dei pagamenti, sotto il titolo “movimenti monetari”, rendendo così esplicito il modo in cui la banca centrale ha fatto fronte all’avanzo o disavanzo della bilancia dei pagamenti. Nell’esperienza italiana le partite incluse tra i “movimenti monetari” registrano le variazioni nella posizione sull’estero delle istituzioni monetarie centrali e delle banche.

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×