PEGNO ROTATIVO O FLUTTUANTE SU TITOLI DEMATERIALIZZATI

Accordo con il quale il debitore ed il creditore convengono che i titoli dematerializzati (v. dematerializzazione) costituiti in pegno possano essere sostituiti durante il rapporto stesso con altri titoli nei limiti del valore originario. L’ammissibilità di tale garanzia è stata riconosciuta dal 2° comma dell’art. 34 del d.lg. 24.6.1998 n. 213 che stabilisce la responsabilità dell’intermediario per l’inosservanza delle istruzioni ricevute all’atto della costituzione del vincolo in ordine alla conservazione dell’integrità del valore del vincolo stesso e all’esercizio dei relativi diritti, enunciando così una speciale disciplina idonea a consentire la costituzione del c.d. pegno rotativo sugli strumenti finanziari. La sostituzione dei titoli oggetto di pegno non comporta novazione del rapporto originario ma la surrogazione reale conseguente al patto di rotatività stipulato tra le parti; lo stesso Regolamento approvato con deliberazione Consob 2312.1998 n. 11768 stabilisce che “per gli strumenti finanziari registrati in conto in sostituzione o integrazione di altri strumenti finanziari registrati nel medesimo conto, a parità di valore, la data di costituzione del vincolo è identica a quella degli strumenti finanziari sostituiti o integrati”.

  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Publication Ethics and Malpractice

Copyright © 2019 ASSONEBB. All Rights reserved.

Menu
×