CONTROLLO DI GESTIONE

Attività di programmazione e budgeting, coordinamento, comunicazione e valutazione di informazioni, decisione sul da farsi, educazione e persuasione della gente che fa parte dell’organizzazione a modificare il comportamento. Questo processo può essere adottato per qualsiasi attività aziendale che sia in grado di recepirlo, purché sia possibile, a priori, fissare un certo modello o piano espresso in termini quantitativo-monetari e, a posteriori, raccogliere i dati da confrontare significativamente con il modello stesso, al fine di individuare le cause degli eventuali scostamenti. In concreto, esso si realizza nelle seguenti fasi: pianificazione, programmazione e traduzione del programma in termini quantitativi monetari; rilevazione dei dati relativi allo svolgimento del programma, secondo proceduree schemi idonei a permettere confronti con il programma predisposto; determinazioni degli scostamenti tra dati previsti e dati consuntivi e analisi di essi per ricercare le cause cheli hanno determinati, adozione tempestiva dei provvedimenti correttivi idonei a rimuovere le cause che hanno determinato gli scostamenti. Per poter realizzare una qualsiasi forma di programmazione e controllo occorre stabilire dei limiti di tempo e prendere in considerazione la gestione sotto tre aspetti fondamentali; l’esercizio; gli investimenti; il flusso dei mezzi monetari. Alcuni distinguono l’attività di programma da quello di controllo, dando perciò una definizione riduttiva del controllo di gestione, ma la distinzione appare ingannevole alla letteratura accreditata. La funzione del controllo interno di gestione è diventata tanto consistente e importante da essere affidata a persone esperte o a un ufficio creato ad hoc come staff specializzato della direzione generale (v.controller). In molte imprese, con il dilatarsi delle funzioni del settore amministrativo per l’introduzione della programmazione e del controllo di gestione, si è sentita la necessità di costituire una direzione controllo gestione, che comprende il servizio amministrativo e il servizio controllo con gli uffici budget esercizio, budget investimenti, budget finanziario. Di conseguenza, alle scritture contabili si sono aggiunte le rilevazioni dei costi di produzione, la programmazione, i budget e il conseguente controllo a bilancio, gli standard, le analisi operative e gli studi di mercato. (v. controllo a bilancio; pianificazione e controllo).