CERTIFICATE (Enciclopedia)

(Si veda anche voce del Dizionario: Certificate)
I Certificate sono prodotti finanziari caratterizzati da un profilo di rischio molto più basso rispetto ai Covered Warrant, che permettono all’investitore di partecipare a un investimento finanziario in titoli, indici o merci con un investimento contenuto e con un profilo di rischio molto minore rispetto all’investimento diretto nel prodotto da cui “derivano”.
Al segmento di mercato dei Leverage Certificate appartengono strumenti con un profilo di rischio elevato  che non si limitano a replicare l'andamento del sottostante, ma lo amplificano attraverso l’effetto leva, permettendo, in tal modo, un rendimento potenziale superiore a quello dell’investimento diretto nel sottostante.
Di converso, va tuttavia evidenziato, che i Leverage Certificate espongono l’investitore a perdite specularmente elevate, anche pari all’intero capitale investito. 
Fanno parte del segmento dei Leverage Certificate una serie molto ampia di prodotti che si diversificano tra loro per talune caratteristiche, quali ad esempio la presenza di barriere in “alto” (come quei prodotti che prevedono un massimo nel guadagno conseguibile), ovvero, altri prodotti che possono essere acquistati a sconto rispetto al prezzo del sottostante; tuttavia, tali prodotti non si differenziano molto nella sostanza tra loro.
Si considerano nella seguente analisi i Certificate Turbo (Bull e Bear) e i Certificate Future (anch’essi di tipo Bull e Bear).
I prodotti di tipo Turbo Bull sono prodotti finanziari che permettono di trarre un buon vantaggio dal rialzo del prezzo dell’attività sottostante, mentre i Turbo Bear (Short) permettono all’investitore di avvantaggiarsi del ribasso del sottostante1.
I prodotti di tipo Certificate Future (Bull o Bear) sono caratterizzati dalla particolarità di avere come sottostante un prodotto Future (su azioni o indici, su metalli, sul petrolio, sul cambio)2.  Come meglio verrà evidenziato nelle esemplificazioni sia i Certificate Turbo (Bull o Bear) che i Certificate Future (Bull o Bear) espongono l’investitore alla perdita del capitale investito. Per inciso può essere previsto un limite alle perdite a un livello denominato di “barriera”.
I Certificate Turbo sono strumenti di stile cd. europeo e sono distinti in Bull e/o Bear. Possono avere come sottostante azioni o indici azionari italiani ed esteri. Acquistare un Bull equivale ad acquistare il sottostante al suo valore corrente di mercato e, contestualmente, prendere a prestito un importo corrispondente allo Strike per un periodo pari alla vita residua dei Turbo, su cui l’investitore dovrà pagare anticipatamente una quota di interessi.  Il prezzo da pagare per acquistare un Bull, con sottostante un indice, è determinato sulla base della seguente formula:
                                                                                             (1)
 Acquistare un Bear equivale a vendere allo scoperto il sottostante al valore corrente di mercato e contestualmente effettuare un deposito per un importo corrispondente allo Strike, per un periodo pari alla durata residua del Bear, in relazione al quale il portatore percepirà anticipatamente gli interessi. Il prezzo da pagare per acquistare un Bear si determina sulla base della formula seguente: 
                                                                                      (2)
I Certificate Turbo si caratterizzano anche per la presenza di una barriera, che individua un determinato prezzo del sottostante, corrispondente allo Strike, al raggiungimento del quale il prodotto si estingue anticipatamente. La barriera costituisce quindi una condizione risolutiva che, a seguito del verificarsi della stessa, determina la risoluzione anticipata del contratto relativo al certificato acquistato dal portatore. Il portatore deve tenere presente che, quanto maggiore è la volatilità del sottostante, tanto maggiore è la possibilità che si verifichi un “evento barriera”. A seguito del verificarsi del  c.d. “evento barriera” si determina l’estinzione anticipata del prodotto e la perdita per il portatore del prezzo corrisposto per l’acquisto del certificato. Il verificarsi di un evento barriera impedirà al portatore di beneficiare di futuri aumenti (in caso di Bull) o diminuzioni (in caso di Bear) nel prezzo del sottostante. Al riguardo si rappresenta che se la “barriera” è posta a un livello diverso dello Strike, al verificarsi del “evento barriera” l’investitore può usufruire di un quantum pari alla differenza tra la “barriera” e lo Strike stesso. Come per i Covered Warrant anche per i Certificate il valore teorico può essere determinato con metodologie di calcolo probabilistico; in particolare, per i certificati di tipo Turbo, il valore teorico viene determinato utilizzando un modello di calcolo che tiene  conto di una serie di fattori di mercato, tra i quali: il prezzo del sottostante, i tassi di interesse, il tempo mancante alla scadenza, la volatilità del sottostante ed il rendimento atteso del sottostante.
La variazione di uno solo dei fattori sopra indicati determina un diverso valore teorico del Turbo. Dei fattori sopra indicati il prezzo del sottostante, i dividendi attesi, la durata residua dei Turbo e la volatilità nel caso in cui il sottostante sia vicino alla barriera, sono quelli che hanno un maggiore impatto sul valore dei Turbo stessi.
_____________________________
1Questi ultimi costituiscono un’eccezione nel panorama dei securitised derivative italiani perché scommettono sull’andamento negativo del sottostante.
2I Certificate Future accompagnati dalla dicitura R (Rolling) indicano che il prodotto è caratterizzato dalla sostituzione automatica dei Future scaduti con i Future delle scadenze successive.
Redattore: Enea  FRANZA  
© 2011 ASSONEBB