BROKER

In origine, mercante che acquistava botti di vino o di birra per venderne il contenuto a bicchiere e, per estensione, chi comperava all’ingrosso per vendere al minuto. Nel linguaggio moderno il termine si discosta completamente dal significato originario. Oggi il broker è un intermediario specializzato nell’offerta di servizi di ricerca delle controparti sui mercati dei beni e delle attività finanziarie (valute, titoli) in cambio di una commissione parametrata al volume degli affari conclusi per suo tramite È una tipica figura di mediatore “puro”, poiché si limita ad assumere l’onere di ricercare una controparte adatta e di contrattare con essa un prezzo per il suo cliente, senza garantire in proprio l’immediato soddisfacimento della proposta di transazione. L’intervento di un broker su un determinato mercato determina interferenze minime sui prezzi ivi negoziati e gradi elevati di impersonalità degli scambi, in quanto il broker stesso si impegna a mantenere riservata l’identità della propria clientela. Il broker si distingue dall’agente in quanto non ha un rapporto continuativo con il proprio cliente (c.d. contratto di agenzia), pur assistendolo in più operazioni. In campo assicurativo il broker presta la sua opera al cliente e al fine di assicurare e collocare i rischi alle migliori condizioni presso le varie compagnie di assicurazione. In commercio si parla di import o export broker per indicare colui che assiste l’operatore nell’importazione o nell’esportazione di merci. In campo bancario, i foreign exchange brokers effettuano operazioni di compravendita di attività denominate in valuta estera per conto dei propri clienti. Gli insurer brokers ricercano per conto dei clienti lacompagnia di assicurazioni in grado di fornire le condizioni migliori. I commodities brokers e gli stock brokers, infine, operano rispettivamente nella negoziazione di merci e titoli azionari ed obbligazionari e, all’occorrenza, assiste il cliente nelle pratiche di adempimento dei contratti, in specie nelle richieste di risarcimento. La figura dell’insurer broker è riconosciuta anche nel nostro Paese, dove la l. 28.11.1984 n. 792 ha istituito l’albo professionale dei brokers denominando con tale nome chi esercita professionalmente attività diretta a mettere in relazione con le compagnie di assicurazioni,, senza essere vincolato da impegni di sorta con esse, i clienti assistendoli nell’individuazione dei rischi e delle relative coperture e nella stesura dei contratti e collaborando eventualmente alla loro gestione ed esecuzione.