ASSEGNO ELETTRONICO

Strumento di pagamento elettronico e virtuale che ripete tutte le caratteristiche dell’assegno cartaceo tradizionale. Esso è utilizzabile specialmente nell’e-commerce, ma potrà diventare un mezzo di pagamento anche per le transazioni non commerciali se la banca on line diventerà sufficientemente diffusa tra le famiglie. Per operare il sistema dell’assegno elettronico richiede l’esistenza di almeno una banca on line e di due soggetti che con questa intrattengano un conto corrente e abbiano una convenzione di assegno e che siano entrambi dotati di dispositivi hardware (PC, modem), di un software specifico e di un sistema di crittografia. Il soggetto debitore invia per e-mail al creditore l’assegno elettronico contenente l’ordine alla propria banca di pagare la somma dovuta e il soggetto creditore gira l’assegno inviandolo al computer della propria banca di appoggio per l’accredito in conto. La sottoscrizione dell’assegno per l’emissione e la girata avviene con firma digitale unica e irripetibile, verificabile dalla banca trassata (per la firma del debitore traente) o girataria dell’assegno(per la firma del creditore). Per evitare pericoli di frode da parte del beneficiario, l’acquirente che emette l’assegno cripta il proprio numero di conto ricorrendo alla chiave pubblica della banca. È una forma di pagamento sperimentale che sembra destinato a diffondersi e a soppiantare nell’e-commerce i pagamenti con carta di credito. A differenza di questi, infatti, i pagamenti con assegni elettronici non possono essere ritrattati dal debitore e non possono essere dal creditore maggiorati abusivamente rispetto alla somma inizialmente concordata.