BORSA ITALIANA spa

1. La Borsa italiana spa, conosciuta internazionalmente come Borsa di Milano, è la principale società di gestione dei mercati (v. società di gestione dei mercati regolamentati) presente nel sistema italiano dei mercati regolamentati. L’altra società di diritto italiano è la Mts spa che gestisce il mercato all’ingrosso dei titoli di Stato (v. MTS). La costituzione delle due società è seguita all’entrata in vigore del decreto Eurosim (art. 52 d.lg. 23.7.1996 n. 415, che ha recepito la direttiva 93/22/CEE del 10.5.1993, relativa ai servizi di investimento nel settore dei valori mobiliari e della direttiva 93/6/ CEE del 15.5.1993), che ha stabilito che il serviziodi compensazione e di liquidazione di tutte le operazioni aventi ad oggetto strumenti finanziari deve essere gestito da un’apposita società per azioni, costituita previa autorizzazione della Banca d’Italia d’intesa con la Consob. L’art. 56 del decreto stabiliva, poi, che il Consiglio di borsa avrebbe dovuto presentare alla Consob un progetto concernente la costituzione di una o più spa aventi per oggetto la gestione della borsa valori, del mercato ristretto e del mercato di borsa per la negoziazione dei contratti futures su strumenti finanziari. L’art. 61 TUF prevede che l’attività di organizzazione e gestione di mercati regolamentati di strumenti finanziari ha carattere di impresa. Conseguentemente l’attività di borsa è esercitata, in regime privatistico, da spa aventi quale oggetto sociale la gestione dei mercati. Borsa Italiana spa è stata costituita il 7.2.1997 e l’atto costitutivo è stato omologato dal Tribunale di Milano il 15.2.1997. 2. È operativa dal 2.1.1998 e gestisce quattro gruppi di mercati: a) Borsa, articolata nei comparti: Mercato telematico azionario-MTA (quattro segmenti: Blue chips, società appartenenti a S&P/MIB e altre società con capitalizzazione superiore a 800 milioni di euro; Star, Segmento Titoli Alti Requisiti; Segmento di Borsa ordinario con le altre società con capitalizzazione inferiore a 800 milioni di euro; MTF (Mercato telematico dei fondi); SeDex (già Mercato telematico dei Covered Warrant-MCW); Mercato After Hours-TAH; Mercato telematico delle Obbligazioni e dei Titoli di Stato-MOT; Mercato telematico delle Euro- obbligazioni, delle Obbligazioni di emittenti esteri e della asset backed securities EuroMOT; b) Mercato Espandi (trasformazione del vecchio Mercato ristretto); c) Mercato degli strumenti derivati IDEM. d) Nuovo mercato, di cui fa parte il segmento techSTAR. Non sono più operativi il Mercato telematico delle opzioni-MTO, il MIF e il Mercato telematico dei contratti a premio-MPR. 3. I mercati sono disciplinati da regolamenti deliberati dall’assemblea di Borsa Italiana spa e approvati dalla Consob e da Istruzioni. Di questi documenti, dalla costituzione della società si sono succedute diverse versioni. Attualmente i mercati dalla lettera a) alla lettera c) sono disciplinati dal Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana spa in vigore dal 5 novembre 2004 con le Istruzioni al Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana spa in vigore dal 1° marzo 2005. Il Nuovo Mercato è retto dal Regolamento del Nuovo Mercato organizzato e gestito da Borsa Italiana spa in vigore dal 5 novembre 2004, con le Istruzioni al Regolamento del Nuovo Mercato organizzato e gestito da Borsa Italiana spa in vigore dal 1° marzo 2005.