TASSAZIONE DELLE IMPRESE PEER-TO-PEER (P2P)

Abstract
L'economia digitale e le imprese peer-to-peer (P2P) sono cresciute a tassi sorprendenti, insieme alla percezione di essere molto meno regolamentate e tassate rispetto ai business tradizionali; i costi di transazione sono stati eliminati. La rapida esplosione di piattaforme P2P nei settori dell'ospitalità e del turismo ha sollevato dubbi sul fatto che queste imprese godano di un vantaggio fiscale rispetto alle imprese tradizionali, violando il principio di neutralità fiscale.

La digitalizzazione dell'economia rappresenta una sfida per i policy maker che hanno bisogno di cambiare radicalmente le loro regole e il comportamento al fine di raggiungere i loro obiettivi (vale a dire, concorrenza, redistribuzione, efficienza, ecc.).
L'economia peer-to-peer (P2P) può essere descritta come una raccolta di mercati virtuali che collegano le persone che cercano di scambiare beni e servizi tra loro tramite piattaforme digitali. Da un lato, ci sono gli acquirenti, che desiderano beni o servizi specifici e, dall'altro, i venditori che possiedono il bene da vendere (o da affittare) o controllare i beni necessari per fornire il servizio. La definizione dell'economia P2P rimane aperta; le nuove attività P2P digitali come "sharing economy" e "gig economy" possono essere appropriate, ma parziali.

Tabella 1. Esempi di piattaforme Peer-to-Peer (P2P) tra settori (IMF 2017 p.59)
SETTORE                                            PIATTAFORME P2P
Consegna                                            Deliveroo, Instacart, Postmates
Valute digitali                                       Bitcoin, Ethereum
Servizi finanziari                                    Funding Circle, LendingClub, Kickstarter, Prosper, SoFi
Commercio al dettaglio                         Amazon, Craigslist, eBay, Etsy
Condivisione di software, conoscenze e media
                                                        Apple iTunes, Coursera, Dropbox, Wikipedia
Servizi professionali                               Fiverr, Freelancer, Taskrabbit, Thumbtack, Upwork
Alloggi per viaggiatori                           Airbnb, Flipkey, HomeAway
Trasporto di passeggeri a terra e di transito
                                                        BlaBlaCar, Careem, Didi Chuxing, Lyft, Ola, Uber

L'economia digitale e le imprese peer-to-peer (P2P) sono cresciute a tassi incredibili, insieme alla percezione di essere molto meno regolamentate e tassate rispetto ai tradizionali tipi di business (G20 2019). Ciò può distorcere la concorrenza, dando al P2P un vantaggio ingiusto rispetto alle imprese concorrenti negli stessi settori; allo stesso tempo, hanno effetti positivi sul mercato, dal momento che mettono pressione sulle vecchie imprese, aumentando l'efficienza. Se gli utenti dell'economia P2P sono "soggetti a una minore tassazione - a causa di tassi preferenziali o semplicemente sottostima del reddito - le entrate fiscali del governo possono essere a rischio, specialmente se altre attività più ricche di tasse vengono spostate. Allo stesso tempo, è possibile che questo nuovo modo di fare affari formalizzi le attività in determinati settori, portandoli alla portata delle autorità normative e fiscali "(FMI 2017, 58).
L'innovazione nel modo in cui i mercati funzionano non è un evento recente, ma ciò che distingue le aziende P2P sono le tecnologie che consentono alle persone di contrattare. I costi di transazione sono stati eliminati, ma il P2P ha anche eluso alcune regole nelle imprese tradizionali.
La rapida esplosione di piattaforme P2P nei settori dell'ospitalità e del turismo ha sollevato dubbi sul fatto che questi nuovi entranti godano di un vantaggio fiscale rispetto alle imprese tradizionali, violando il principio di neutralità fiscale. Molte città dello Stato della California (U.S.A.) hanno cercato di regolare questa nuova attività, senza renderla illegale, ma compensando il vantaggio fiscale e garantendo sicurezza e qualità. In Europa alcuni Stati/Regioni hanno introdotto dei regolamenti volti a limitare il fenomeno senza vietarlo.
L'industria del ride-sharing è stata un'altra area molto importante degli interventi pubblici; il traffico rappresenta una fonte di inefficienza nelle grandi città di tutto il mondo e la questione se i conducenti siano dipendenti o autonomi è stata fonte di controversie in Europa e negli Stati Uniti e può avere importanti implicazioni per l'onere fiscale, nonché per assicurazioni sociali e benefici. La città di Londra, nel Regno Unito, ha regolato il business del ride-sharing come i conducenti sono dipendenti. L'Alta Corte di Giustizia Europea (2017) ha sancito che sono i singoli stati a dover regolare il fenomeno; in alcune aree in Europa, come la Bulgaria, il servizio di condivisione del viaggio è vietato. In Italia la regolazione è comunale e vi è l'obbligo di licenza per il servizio di ride-sharing, in ossequio alla sentenza UE.
La crescita di piattaforme commerciali come Amazon, Alibaba e Ebay costituisce una certa minaccia per le autorità pubbliche, specialmente in Europa e negli Stati Uniti, dato che queste imprese si trovano principalmente in paesi stranieri, come entità legali, e quindi non pagano le tasse aziendali , non sono soggetti alle rigide regole del mercato del lavoro e contribuiscono negativamente all'occupazione. I luoghi commerciali tradizionali (negozi, centri commerciali e negozi) pagano le tasse aziendali e sono soggetti alle rigide regole del mercato del lavoro, subendo quindi una concorrenza sleale. I governi sono venuti a conoscenza della necessità di chiarire gli obblighi fiscali per gli utenti dell'economia P2P con alcuni che hanno già emanato orientamenti specifici (G20 2019). Hanno inoltre riconosciuto i potenziali vantaggi di ottenere l'accesso e l'utilizzo della grande quantità di informazioni detenute dalle piattaforme digitali per migliorare la conformità (Fiscalità e digitalizzazione).
Le attività P2P hanno alcune caratteristiche comuni; il primo è rappresentato dalle basse barriere all'entrata che consentono a compratori e venditori di cambiare ruolo in modo facile e veloce. Il secondo è il diverso grado di controllo sugli utenti; alcune piattaforme selezionano i venditori e impongono severi codici di condotta. Il terzo è il modello di generazione di reddito basato su commissioni (fisse o variabili) che vanno dall'1-2% per il prestito fino al 20% per le società di reti di trasporto e con oltre l'85% del valore delle transazioni agevolate ricevute dal venditore .
Le attività P2P sono globali, ma le più grandi si trovano in Asia (AliBaba e DiDiChuxing). Piattaforme globali, come Amazon ed Ebay, sono state replicate localmente in alcuni paesi, per soddisfare determinate necessità (ad esempio in Medio Oriente e in Sud America). Il numero di utenti e la dimensione della transazione/reddito sono solo aneddoti (FMI 2017, p.61).
L'effetto del business P2P sulle attività tradizionali, come i servizi di trasporto e gli hotel, è complesso su misura, ma alcuni autori stimano una perdita dell'8-10% di entrate poiché gli incumbent sono costretti ad abbassare i prezzi per non perdere le quote di mercato (maggiori dettagli sono disponibili in il rapporto del FMI pubblicato nel 2017).
Il G20 ha tentato di definire in molte riunioni dei principi comuni che definiscano i meccanismi di tassazione di questi business; alcuni paesi, tra cui quelli europei, stanno introducendo misure volte ad aumentare il gettito, spesso nullo, che proviene da queste piattaforme di scambio; queste policy però vengono attuate in modo non coordinato e costituiscono delle barriere economiche al commercio, all'impresa. Nell'immediato futuro si spera che il G20 riesca a definire una policy fiscale condivisa per equilibrare il gettito; questa politica deve però accompagnarsi a un aumento della digital literacy degli utenti, del life-long learning e dell'utilizzo delle nuove tecnologie nell'istruzione e nel mondo del lavoro.

Bibliografia
G20 (2019) Ministerial Meeting on Trade and Digital Economy Recommendations for Promoting Innovation, Digital Technologies, and Trade. 16 May 2019.
https://www.digitaleurope.org/resources/2019-g20-ministerial-meeting-on-trade-and-digital-economy-recommendations-for-promoting-innovation-digital-technologies-and-trade/
International Monetary Fund (IMF) 2017. Digital revolutions in public finance. Edited by Sanjeev Gupta, Washington, DC, ISBN 9781484315224.
Alta Corte di Giustiza Europea (2017). Conclusioni dell'Avvocato Generale MACIEJ SZPUNAR: Causa C‑320/16 contro Uber France SAS, 4 luglio 2017
http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=192325&doclang=IT