TRUFFA AGGRAVATA RIGUARDANTE IL CONSEGUIMENTO DI EROGAZIONI PUBBLICHE

Nuova fattispecie di reato prevista dall’art. 640 bis c.p., introdotto dall’art. 22 della 1. 19.3.1990 n. 575. Se il fatto di cui all’art. 640 c.p. (v. TRUFFA) riguarda contributi, finanziamenti, mutui agevolati ovvero altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o delle Comunità europee, la pena è della reclusione da uno a sei anni. A differenza dell’ipotesi di truffa semplice, il reato è perseguibile d’ufficio. L’art. 7 della l. 31.5.1965 n. 575, recante disposizioni contro la mafia, prevede una particolare aggravante se il fatto è commesso da persona già sottoposta, con provvedimento definitivo, a misura di prevenzione.