TREND LINE

  • Stampa

Analisi tecnica. Linee di tendenza del prezzo del titolo o del mercato, tracciate sul grafico dello stesso, al fine di evidenziare importanti supporti o resistenze dinamiche. Si ottengono mediante l’unione di due o più punti di minimo o di massimo, a seconda che vi sia tendenza al rialzo o al ribasso. Vi sono una varietà di trend tra cui prevalgono tre tipi: la tendenza primaria (primary), intermedio (intermediate) e di breve termine (short term). Le tendenze primarie si manifestano nel mercato obbligazionario, azionario e delle commodity con durata variabile in genere da uno a due anni. Il trend primario rispecchia le reazioni degli investitori ai cambiamenti nell’andamento dei fondamentali dell’economia1. nel corso di un ciclo economico tipico, che si estende genericamente dai 3 ai 4 anni. Quando il trend è ascendente si parla di bull market, mentre in presenza di trend discendente di bear market. Generalmente il trend ascendente ha una durata superiore rispetto al trend discendente.

Figura 1.1 : Seat Pagine Gialle Giugno - Dicembre 2000
Vi sono poi delle tendenze anticicliche chiamate movimento intermedio (o secondario) dei prezzi che concorrono a formare il trend primario. In genere si osservano cinque trend intermedi di cui tre formano il trend principale (trend intermedio primario)e i rimanenti due sono in controtendenza (movimento secondario o di reazione). Infine all’interno delle tendenze intermedie si sviluppano delle tendenze di breve termine (short term) che hanno una durata variabile da due a quattro settimane. Essendo determinate da eventi casuali la loro identificazione risulta particolarmente difficile. Le relazioni che intercorrono tra le tendenze che influenzano il trend primario (intermedie e di breve periodo) sono rilevanti ai fini delle decisioni di investimento sia in una prospettiva di lungo periodo (investor) che di breve periodo (trader).
_____________

1Alternativamente un trend nel mercato valutario non rispecchia l’atteggiamento degli investitori verso le variazioni nei fondamentali bensì l’atteggiamento degli investitori verso la relazione esistente tra le economie di due diversi paesi.

Bibliografia
Martin J. Print (2003), Analisi Tecnica dei mercati finanziari, McGraw-Hill Inc.
Link:http://www.performancetrading.it/indexIT.htm
Redattori: Antonio SERRA, Liliana PINTUS, Bianca GIANNINI
© 2010 ASSONEB