SWAPTION

Contratto di opzione su un interest rate swap. Lo swap sottostante è definito in anticipo fissando valore nozionale, durata e periodicità di liquidazione del tasso attivo o di quello passivo. Si ha una call swaption (detta anche receiver swaption) quando si concorda il diritto a percepire un tasso (attivo) fisso. Se al momento dell’esercizio il tasso corrente è sceso al di sotto dello strike rate, l’opzione viene esercitata e l’acquirente stipula un interest rate swap che gli garantisce un tasso attivo più elevato di quello corrente. L’opzione non viene, invece, esercitata nel caso di un tasso corrente superiore allo strike rate al momento dell’esercizio. Si ha una put swaption (detta anche payer swaption) quando si concorda il diritto a pagare un tasso (passivo) fisso. Il funzionamento è simmetrico rispetto alla call swaption.