QUOTE-DRIVEN

Mercati di dealers, che si contrappongono ai mercati ad asta (v. order driven), nei quali le quotazioni vengono espostedai dealer o dai market maker e la conclusione dei contratti ha luogo ogni qualvolta un broker o un investitore è disposto ad accettare le condizioni di prezzo quotate dal dealer. I prezzi effettivi ai quali i dealers concludono i contratti possono differire dai prezzi esposti, iquali a loro volta possono non riflettere le migliori condizioni alle quali il dealer è disposto a negoziare. Gli scambi possono anche avvenire ad un prezzo contrattato privatamente tra il dealer e il broker, diverso da quello esposto pubblicamente. Questa prassi, definita in gergo preferencing, comporta che, sulla base delle relazioni commerciali tra un broker e un dealer, il broker preferisca contattare il “suo” dealer anche se questi, in quel momento, non sta offrendo le migliori quotazioni di mercato. La qualità dei prezzi espressa da un mercato di dealers dipende dalla competizione tra i dealers per attrarre il maggior flusso di ordini esponendo le migliori quotazioni. La prassi del preferencing, tuttavia, comporta che non sempre un dealer riesca ad aumentare il flusso di ordini migliorando le quotazioni esposte pubblicamente.