MONEY MARKET MUTUAL FUND

Sottocategoria di short term investment pool di tipo aperto le cui attività sono quasi esclusivamente costituite da strumenti di mercato monetario (titoli pubblici, carta commerciale, certificati di deposito, accettazioni bancarie ecc.). La quota minima di partecipazione è accessibile a qualunque specie di risparmiatori, anche individuali, essendo in genere variabile tra 500 e 5000 dollari. Tali fondi consentono anche ai partecipanti l’effettuazione di prelievi sulle disponibilità in essi investite mediante assegni o via telefono/telex. Il valore di ogni singola quota di partecipazione è di regola pari ad un dollaro. Giornalmente viene calcolato il valore netto complessivo del fondo; dal rapporto tra tale valore e il valore della singola quota di partecipazione si ottiene il numero delle quote che compongono il fondo in quel giorno oltre che il numero delle quote da assegnare ai singoli partecipanti in proporzione del numero delle quote possedute il giorno precedente. Le variazioni del valore netto del fondo, quindi, si ripercuotono sul numero delle quote attribuite ai partecipanti, e non sul loro valore unitario. All’interno dei money market mutual funds sì riscontra una distinzione tra “fondi istituzionali” e “fondi non istituzionali”. I primi, in particolare, sono fondi disponibili solo a investitori istituzionali; il volume del loro patrimonio subisce quindi notevoli variazioni in aumento o diminuzione, in funzione dell’andamento del rapporto tra tassi d’interesse ottenibili attraverso i fondi monetari e tassi ottenibili investendo direttamente sul mercato monetario. La maggior dimensione media degli investitori istituzionali, infatti, rende accessibile e conveniente valutare l’alternativa dell’investimento diretto, implicando una diversa concezione del fondo monetario, considerato come alternativa d’impiego agli altri strumenti di mercato monetario e non ai depositi bancari (come avviene per gli investitori individuali).