MONETA IDEALE

Moneta che non esiste materialmente in pezzi di metallo coniato o in banconote effettivamente circolanti, ma solo concettualmente e ciononostante impiegata nella misura dei valori e come moneta di conto. Può nascere da monete effettivamente coniate un tempo, che, scomparse dalla circolazione, continuano a essere utilizzate nei conti (è stato così a lungo in passato in Inghilterra per la lira sterlina e, fino all’abbandono della base di calcolo sessagesimale e al passaggio a quella centesimale nel 1971, per la ghinea, moneta da 21 scellini non più coniata dal 1813, ma rimasta convenzionalmente in uso per i beni di lusso e gli onorari), oppure da unità monetarieconvenzionali, appositamente costruite (p.e. l’ECU, dal 1979 al 1998 e l’euro, dal 1°1.1999 al 31.12.2001). Da non confondere con la moneta virtuale.