METODO DELL'INTERNAL RATE OF RETURN

Questo metodo di valutazione impiegal’internal rate of return (IRR) (it. tasso interno di rendimento), cioè il tasso che, applicato per scontare il casti flow di un progetto, riduce il suo valore attuale a zero (si ricordi che per convenzione si attribuisce segno positivo agli introiti e segno negativo ai pagamenti). Per il calcolo dell’IRR il cash flow viene tabulato in successione per data di realizzazione, come nel metodo del valore attuale netto, quindi si procede all’attualizzazione per tentativi, applicando via via tassi crescenti o decrescenti fino ad azzerare la somma dei valori attuali. Il procedimento è semplificato, oggi, dai fogli elettronici o da semplici programmi di selezione iterativa. Senza di questi, si procede calcolando il VAN con tassi crescenti di un punto percentuale, finché, ottenuto l’ultimo valore positivo del VAN e il primo negativo, si determina approssimativamente l’IRR per interpolazione lineare. Mentre quello del calcolo del VAN è un tasso di sconto, da identificare col costo delle risorse impiegate, l’IRR va interpretato come tasso di interesse annuo che esprime il rendimento di queste risorse. Quindi, il criterio di scelta con l’IRR ricorre al confronto dell’IRR di un progetto con quello almeno del costo delle risorse e, se esiste, del miglior investimento alternativo. In altri termini, la misura dell’IRR va integrata con l’aiuto di un limite k, da intendere come costo delle risorse, ossia il tasso di sconto che il valutatore ha adottato o adotterebbe nell’applicare il metodo del VAN, di modo che, tra più progetti, si dovrebbero scartare subito quelli con IRR inferiore a k e preferire, tra i restanti, se ne esistono, quello con IRR più elevato. In certe configurazioni della serie del cash flow, possono esistere più tassi che azzerano il valore attuale netto, cioè il progetto ammette più IRR e il metodo non è utile per la scelta. Alcuni propongono correttivi per restituire al procedimento unicità di soluzione. Sembra, tuttavia, più giusto considerare il metodo dell’IRR come integrativo del metodo del valore attuale netto e del net present value ratio.