METODO DEL COSTO EQUIVALENTE

Criterio abbreviato di scelta degli investimenti introdotto dagli ingegneri per valutare progetti alternativi (acquisto di macchine, realizzazione di impianti et similia) che svolgono la stessa funzione e che determinano ricavi attesi dello stesso ammontare (in pratica l’uguaglianza assoluta non è veramente richiesta e si ammette che funzioni e ricavi complessivi si avvicinino con accettabile grado di approssimazione). In questi casi il problema della valutazione si riduce a identificare la scelta che realizza il costo minimo. Il procedimento consiste nel calcolare per ogni progetto di durata n anni il valore attuale di tutti i costi, di determinare allo stesso tasso la rata di ammortamento in un periodo m=n di un capitale pari al valore attuale predetto. La rata di ammortamento è il costo annuo equivalente.