LOCAZIONE DI NAVE E DI AEROMOBILE

Contratto in base al quale una delle parti si obbliga a far godere all’altra per un determinato periodo di tempo la nave o l’aeromobile verso un corrispettivo. Il proprietario che non utilizza direttamente la nave assume la veste di locatore e cede la nave a un armatore, che assume la figura del conduttore. Obblighi principali del locatore sono la consegna del veicolo in stato di navigabilità e fornito dei documenti necessari per la navigazione, il mantenimento di questo nelle condizioni convenute, provvedendo alle riparazioni necessarie e astenendosi da innovazioni che pregiudichino l’utilizzazione da parte del conduttore; la garanzia del pacifico godimento. Il locatore è altresì tenuto a risarcire i danni derivanti da difetto di navigabilità, a meno che provi che si tratta di vizio occulto non accertabile con la normale diligenza. Ove il difetto sia tale da diminuire l’idoneità del veicolo all’uso pattuito, il conduttore può chiedere la risoluzione del contratto od una riduzione del corrispettivo. Il conduttore è tenuto a prestare il corrispettivo convenuto nei termini pattuiti, restituire il veicolo all’estinzione del rapporto, provvedere alla conservazione ed eseguire le riparazioni che per legge o per contratto sono a suo carico. L’uso del veicolo deve avvenire in conformità a quanto previsto dal contratto, tenuto anche conto delle caratteristiche tecniche della nave o dell’aeromobile. In armonia con le regole generali, si possono avere la sublocazione del veicolo e la cessione del contratto, sempre che il locatore lo consenta. I contratti di locazione, di sublocazione e di cessione del contratto di locazione della nave o dell’aeromobile devono essere provati per iscritto, tranne che per le navi e i galleggianti minori e le imbarcazioni da diporto. Vengono utilizzati appositi formulari predisposti da Organizzazioni internazionali. Il contratto può riguardare la nave a scafo nudo o disarmata (contratto di imbargo) oppure armata e attrezzata.