LIRA TORNESE

  • Stampa

La lira tornese è stata l’unità di conto del sistema monetario francese dal XIII al XVIII secolo ed è derivata dalla libbra romana, seguita da quella carolingia e infi-ne dalla lira parigina. Si divideva in 20 soldi e in 240 denari e quando il re San Luigi la scelsenel 1266 come moneta di conto si riferiva a un lingotto d’argento di 80,84 grammi e a uno d’oro di 8,271 grammi. Dal primo si ritagliavano le monete effettive in argento, tra cui il grosso e il denaro, mentre dal secondo si ritagliavano quelle in oro, tra cui il denaro allo scudo el’agnello. Nel secolo XVIII al tempo del re Luigi XVI la lira tornese d’argento si era ridotta a soli 4,5 grammi e quella in oro a 0,290 grammi. La lira tornese fu travolta dalla Rivoluzione francese, ma rivisse sotto altre spoglie nel franco d’argento di 4,5 grammi di fino e nel franco oro di 0,290.