LEU ROMENO

Codice ISO: ROL. Il leu romeno fu emesso per la prima volta il 14 aprile 1867 in seguito alla composizione della vertenza tra Russia, Austria e Turchia sull’assetto delle province della Romania e all’indipendenza della nazione romena. Il leu d’oro ebbe una parità definita in 0,290322 grammi di fino e il leu d’argento uscì nel peso di 4,5 grammi. Fu stabilita la parità di un leu con il franco germinale. Nel 1890 la Romania entrava in regime di gold standard, sospeso poi allo scoppio della prima guerra mondiale. Nel 1929 la stabilizzazione monetaria avvenne riducendo la parità a 0,009 grammi di fino, corrispondente a un cambio di 167,2 lei per dollaro Usa La stabilizzazione fu di breve durata e la parità fu rivista più volte prima di legare provvisoriamente il leu al marco tedesco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. Nel 1941 in Bessarabia e nella Bucovina fu stabilito un cambio alla pari con il rublo sovietico. L’entrata in guerra della Romania a fianco dell’Asse e l’occupazione russa portarono a una caduta del leu, che nel 1944 valeva 1/100 di rublo. L’inflazione continuò a colpire il leu, che da un corso di 3.500 lei per un dollaro nel 1946 passò l’anno successivo a valori di iperinflazione. Nel luglio del 1947 il dollaro quotava oltre 2 milioni di leu. Nel successivo mese di agosto avvenne la stabilizzazione monetaria con il cambio dei biglietti, al corso di un nuovo leu contro 20 mila lei vecchi. Fu fissata una nuova parità di 0,00594 grammi di fi no corrispondenti a un corso di 150 nuovi lei per dollaro. Nel 1952 ci fu un altro cambio della carta moneta, con una parità rialzata a 0,079346 grammi di fino, corrispondenti a un cambio di 2,86 lei per rublo e di 11,2 lei per dollaro. Due anni dopo, nel 1954 la parità fu rialzata di nuovo a 0,148112 grammi di fino, cui corrispose un cambio di 1,5 lei per rublo e di 6 lei per dollaro. Anche questo intervento delle autorità monetarie si rivelò inutile e il leu continuò a inflazionarsi fino a quando nel 1957, entrato già nell’area del rublo, ne fu definito il corso con il dollaro a 12 lei. In seguito la moneta romena subì le vicende del rublo sovietico con cambi manovrati e di scarsa applicazione. Con il collasso del sistema sovietico il leu ha riacquisito completa autonomia, ereditando però una situazione pesante.