LETTERA DI INTENTI

Documento in cui sono fissate le principali clausole che le parti possono scambiarsi prima della conclusione di alcuni tipi di contratti (come quelli bancari e societari, o aventi per oggetto prestazioni di garanzia). Tale espressione della volontà ne-goziale si inserisce nell’ambito delle trattative e non dà ancora luogo alla conclusione del contratto preliminare. In questo stadio le parti, ancora libere di stipulare o meno il contratto, sono comunque tenute a comportarsi secondo buona fede e hanno quindi l’obbligo di indicare l’esistenza, o la possibilità di esistenza, di cause invalidanti. La violazione di tale principio, infatti, dà luogo alla responsabilità precontrattuale (fondamentalmente diversa da quella contrattuale) in base alla quale l’attore ha l’onere di provare oltre al fatto generatore del danno anche la colpa o il dolo dell’altra parte. Nei rapporti giuridici internazionali, la lettera di intenti viene rilasciata in occasione di prestiti finalizzati secondo gli impegni in esse assunti dal paese beneficiario del credito.