INTERNATIONAL CASH POOL - ICP

Gli institutional cash pool (ICP) sono dei veicoli d'investimento finanziario di grande dimensione (minimo un miliardo di dollari US) gestiti in modo centralizzato, che investono in attività a breve termine su tutti i mercati, regolati e non. Tali veicoli sono di proprietà di operatori non finanziari, come investitori istituzionali, asset manager, fondi pensione (Pozsar, 2011). Gli ICP sono diventati sempre più rilevanti a partire dagli anni '90 grazie all'effetto di tre principali forze nel settore non finanziario.

Primo, lo sviluppo della globalizzazione e la crescita di (i) grandi imprese non finanziarie gestite centralmente e dall'aumento (ii) della divaricazione nella distribuzione della ricchezza, che nelle ultime decadi è sempre più concentrata (Pozsar, 2011).

Secondo, la crescita dell'asset management insieme alla crescita della gestione di (i) mutual fund, hedge fund e di altri fondi complessi, nonchè (ii) l'aumento nei prestiti finanziari e la necessità di investimento e re-investimento a breve termine (Pozsar, 2011).

Terzo,la cresicta degli investimenti in derivati OTC, con la creazione di duration sintetiche, Exchange Traded Fund, che implicano la necessità di creare veicoli separati per la gestione dei derivati (es. total return swap, asset backed derivatives). 

Gli ICP sono operatori fondamentali nel così detto settore bancario ombra (shadow banking system), poichè intermediano rilevanti risorse alla ricerca di investimenti a breve termine a basso rischio (Classens et al, 2012). La regolazione di questi operatori è opaca e i dati statistici sul fenomeno scarsi e non omogenei tra i diversi paesi e sistemi finanziari e monetari.


Bibliografia

Claessens Stijn, Zoltan Pozsar, Lev Ratnovski, and Manmohan Singh (2012) Shadow Banking: Economics and Policy, IMF Staff Discussion Note, 4th December.

Pozsar Zoltan et al (2012), Shadow Banking, Federal Reserve Bank of New York,  Staff Report, n.458.

Pozsar Zoltan (2011), Institutional Cash Pools and the Triffin Dilemma of the U.S. Banking System, IMF Working Paper n. 190, August.