INTERESSE NEGATIVO

Prezzo che si paga per un deposito di denaro. È l’ipotesi nella quale il risparmiatore non riceve alcun compenso sulle somme depositate, ma, al contrario, deve corrisponderlo al depositario. La ragione di ciò sta in quei fenomeni che vengono definiti di tempesta valutaria, che vedono l’apprezzamento repentino e abnorme di una o più divise e la corrispondente svalutazione di altre, tale che i possessori di queste ultime sonospinti a ritirarle dal mercato del denaro per farle affluire nel mercato valutario onde convertirle in moneta forte. Si creano così eccessive disponibilità di alcune divise sul mercato del denaro e, dal momento che la misura del tasso di interesse (v. interesse) è determinata soprattutto dalla fluttuazione della domanda e dell’offerta, ne segue una sua contrazione che, in casi particolari, può raggiungere valori negativi.