INDICI DI SOLVIBILITÀ

Rapporti che indicano la capacità dell’azienda di pagare i debiti, sia a breve che a medio termine, in considerazione delle sue disponibilità immediate e realizzabili. Questo indice si esprime mediante il rapporto tra attivo disponibile + attivo realizzabile e debiti a breve termine + debiti a medio e lungo termine. L’indice di solvibilità se è uguale a 1 mostra la capacità dell’azienda di far fronte a tutti i suoi impegni, infatti signifi ca che la quantità al numeratore è uguale a quella del denominatore e cioè che l’attivo corrente copre complessivamente i debiti in essere; se minore di uno, una situazione di non copertura dei debiti con l’attivo circolante, poiché l’attivo disponibile e realizzabile è inferiore a quello necessario a far fronte ai debiti assunti; se maggiore di uno che tutti i creditori sono più che coperti dall’eccellente stato di solvibilità dell’azienda. La determinazione di questo indice è molto importante poiché permette all’azienda di avere una visione globale della sua situazione debitoria, valutando in ogni momento la possibilità di farvi fronte e l’opportunità o meno di contrarre altri debiti o di diminuire quelli già in essere. Il calcolo di questo indice permette di attuare un importante controllo sullo stato di solvibilità dell’azienda adottando di volta in volta le scelte necessarie a mantenerla allo stato ottimale. L’indice di solvibilità differisce da quello di liquidità totale, poiché questo, essendo calcolato in funzione dei soli debiti a breve termine, evidenzia un valore maggiore del primo.