GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

Per gestione collettiva del risparmio si intende una delle modalità attraverso cui un operatore professionale può amministrare una quota di risparmio affidatagli da un risparmiatore. L’operatore specializzato, grazie alle sue competenze in materia finanziaria, può effettuare operazioni di investimento diversificate, che permettono di ottenere combinazioni rischio/rendimento adeguate al profilo del cliente. La gestione del risparmio da parte dell’operatore può avvenire in due modi. L’operatore può instaurare un rapporto diretto con l’investitore, attuando dunque una gestione individuale e personalizzata, oppure può amministrare il patrimonio in monte. Nel secondo caso le risorse appartenenti al singolo investitore confluiscono in un’unica massa patrimoniale che sarà gestita in modo unitario dall’intermediario, cd. gestione collettiva del risparmio. Venendo meno il rapporto personalizzato con il cliente è possibile abbattere alcuni costi relativi alla gestione individuale. Ne segue che non è necessario disporre di patrimoni troppo consistesti per avere accesso a tale servizio di gestione del risparmio. Da un punto di vista normativo la gestione collettiva del risparmio è definita in Italia dal TUF all’art.1, comma n, come il servizio che si realizza attraverso: 1) la promozione, istituzione e organizzazione di fondi comuni d' investimento e l'amministrazione dei rapporti con i partecipanti; 2) la gestione del patrimonio di OICR, di propria o altrui istituzione, mediante l'investimento avente ad oggetto strumenti finanziari, crediti, o altri beni mobili o immobili. L’esercizio dell’attività di gestione collettiva del risparmio è riservato ad imprese specializzate, società di gestione del risparmio (SGR) ,società di investimento a capitale variabile (SICAV) e le società di gestione armonizzate. Tali organismi, al fine di tutelare gli investitori sono sottoposta a vigilanza della Banca d’Italia e alle norme di condotta per gli intermediari di valori mobiliari definite dall’autorità di vigilanza.

Redattore : Bianca GIANNINI
© 2010 ASSONEB