GARANZIE BANCARIE NEGLI SCAMBI INTERNAZIONALI PER GLI APPALTI INTERNAZIONALI

Credito di firma normalmente richiesto dagli enti appaltatori committenti, di solito enti statali, ai partecipanti alle aste internazionali per l’aggiudicazione di contratti di appalto per l’esecuzione di lavori all’estero di importo notevole. L’ente appaltatore richiede ai partecipanti una garanzia bancaria a proprio favore quale garanzia del mantenimento dell’offerta, una volta ottenuta l’aggiudicazione (bid bond). Se l’appalto viene assegnato, tale garanzia viene estinta e sostituita con una garanzia di buona esecuzione dei lavori, per la durata degli stessi (performance bond). Un’ulteriore garanzia è richiesta se il committente regola parte del prezzo in anticipo (advance payment bond). Una garanzia può essere richiesta, infine, per il buon funzionamento degli impianti.