FRANCO VALUTA

Tecnica d’importazione avente lo scopo di diminuire la pressione esercitata sulla bilancia dei pagamenti nazionale dall’esborso di valuta per l’acquisto di merci all’estero. In forza di tale meccanismo all’importatore viene rilasciata una licenza di importazione franco valuta, che gli consente di ricevere e sdoganare la merce senza il pagamento del controvalore di divisa estera. L’importatore, dunque, si impegna a non richiedere né anticipatamente né successivamente assegnazioni di divisa per il regolamento all’estero della merce acquistata. È compito dell’importatore trovare all’estero l’operatore disposto a cedergli contro moneta nazionale le divise necessarie per effettuare il pagamento all’esportatore. Si crea così un canale per il rientro dei capitali esportati clandestinamente, mobilitandoli per il finanziamento delle importazioni. Nelle operazioni bancarie si adopera la dizione franco valuta quando documenti o titoli vanno consegnati senza pagamento.