FLUSSO INTERBANCARIO

  • Stampa

Flusso di disponibilità derivante da transazioni concluse tra due banche nel mercato interbancario. Il sistema dei flussi interbancari comprende gli scambi di fondi per svariate scadenze e forme tecniche, tipicamente trasferimenti a valere sui saldi di conti correnti interbancari, conseguenti alla prestazione di servizi di varia natura tra banche e svariate forme di deposito interbancario a vista o a scadenza definita e finanziamenti tra banche. 1 flussi possono essere generati. quindi, sia da attività di servizio sia da operazioni di impiego e di raccolta di disponibilità nel confronti di altre istituzioni creditizie, contraddistinte o meno da un vincolo di durata. Si configurano prevalentemente come aggiustamenti della posizione di liquidità della banca ed attengono alla sua gestione di tesoreria A motivo delle differenti opportunità (li impiego e di raccolta verso clienti che si offrono a banche localizzate in zone diverse del territorio nazionale, i flussi interbancari rivesto anche la funzione di riallocare all’interno del sistema bancario risorse finanziari con caratteristiche di più elevata stabilità e quindi rappresentano la manifestazione finanziaria di rapporti creditizi tra banche che integrano correntemente l’attività di raccolta e di prestito nei confronti della clientela. La direzione dei flussi tende ad indirizzarsi verso le maggiori banche che nel mercato interbancario assumono una posizione centrale sia per il volume dei servizi svolti a favore di altre banche attraverso la propria rete di sportelli sia perché vi intervengono in qualità di prenditrici c fondi con il fine di alimentare con disponibilità di provenienza interbancaria ur superiore capacità di impiego in titoli e in prestiti.